IL SALUTO DEL PRESIDENTE



Ivan Dorigatti
Cari Associati,
ci ritroviamo di nuovo, alle porte una nuova stagione, alle spalle tanti cicli di bambini, genitori, nonni, sorrisi, divertimento, soddisfazioni. Eh si', soddisfazioni, perché la storia di Sportivando racconta anni di riscontri positivi da parte delle famiglie, di numeri via via divenuti importanti, di nuove sedi attivate sul territorio trentino e di bambini divenuti ormai ragazzi (e qualcuno anche collaboratore dell'associazione!) che ricordano le estati a Sportivando. Una storia che e' passata per l'impegno e le fatiche di quanti, negli anni, hanno messo del proprio e si sono messi a disposizione di Sportivando per raggiungere i risultati che tutti conosciamo e di cui, posso dirlo, sono fiero. Tutte le stagioni passate, una dopo l'altra, hanno dato ragione e concretezza alla strada intrapresa fin dall'inizio e portata avanti negli anni, attraverso un modus operandi che ancora oggi trova compimento in ogni attivita' dell'organizzazione. 


A proposito di metodo e' bello vedere, per me che assieme ad altri ho dato vita a Sportivando, che, sempre di piu', i collaboratori dell'associazione fanno proprie le nostre linee guida e si sentono protagonisti e parte attiva delle attivita' e dei progetti nei quali sono coinvolti.Difatti aumentano di anno in anno i ragazzi desiderosi di cimentarsi in questa esperienza, desiderosi di mettersi alla prova e di imparare una metodologia che sarà loro utile non solo nel contesto della nostra associazione.

Una menzione speciale va fatta ai giovani aderenti al progetto Seventeen, sono fiero del progetto e del coinvolgimento di questi ragazzi, che seppur molto giovani, si sono dimostrati all’altezza del ruolo e dei compiti assegnati, al pari dei loro colleghi già maggiorenni. Con alcuni è stato un piacere continuare il rapporto lavorativo anche dopo il compimento dei 18 anni, a dimostrazione del valore che il coinvolgimento nel progetto e nell’associazione ha rappresentato per loro. Un riconoscimento reciproco in quanto sentiamo l’importanza dei giovani e di conseguenza quanto sia importante puntare su di loro, sul loro futuro che per alcuni si intreccia con quello dell’associazione.  E' soprattutto grazie a loro se Sportivando parla la lingua dell'accoglienza, degli abbracci, dei sorrisi, del divertimento insieme, degli sguardi severi ma pieni di affetto; e molti dei grazie che riceviamo dalle famiglie trentine sono frutto proprio del loro lavoro a contatto con bimbi e ragazzi. 


Bimbi e ragazzi che, per definizione della stessa associazione, sono il centro delle attività di Sportivando, che guarda sempre in avanti nella direzione dei servizi alla famiglia; ne sono la dimostrazione, per fare qualche esempio, le progettazioni all’interno del Servizio Civile e l'accreditamento alla fascia A1, relativamente all'assistenza domiciliare materna per bimbi da 3 a 36 mesi, parlando di Buoni di Servizio. Un progetto di recente attuazione, quest’ultimo, che ha trovato ampia adesione tra le famiglie del territorio.


Un importante progetto, seppur ancora in discussione nei vari tavoli di lavoro, e' il Family Camp, pensato come una colonia gestita dai genitori che non hanno un lavoro, ma che, nel periodo estivo, potranno trovare impiego presso i nostri centri, frequentati dai loro bambini. 
Voglio ricordare a tutti voi che Sportivando e' anche tennis, con le sezioni senior, maschile e femminile, che ogni stagione dicono la loro all'interno dei campionati provinciali. Proprio la squadra delle ragazze, nell'ultimo triennio ha ottenuto ottimi risultati, prima fra tutti la vittoria nella categoria D2, con grande soddisfazione anche del TC Caldonazzo, con il quale Sportivando collabora.

Voglio augurare, quindi, un buon anno a tutti: che Sportivando possa essere, ancora una volta, compagna di divertimento e, perché no, di crescita, dei vostri bambini. Me lo auguro di cuore. .



Il Presidente di Sportivando
Ivan Dorigatti